top of page
augusto%20marietti_edited.jpg

Augusto Marietti

Il Soffio

“Quando abbiamo iniziato a cercare finanziamenti , il refrain era sempre lo stesso: avete solo diciannove anni. Quello che doveva essere un punto a favore era visto come un ostacolo.”

Diciannove anni e la voglia di rivoluzionare il modo di creare applicazioni web e mobile: una piattaforma di sviluppo per webmaster. Un’idea che tutti, in Italia, consideravano valida ma nessuno voleva investirci. Così, assieme a due amici, decide di partire per la Silicon Valley. Con tre computer, una lavagna e un garage in affitto hanno vinto la loro scommessa e adesso Mashape è una realtà concreta e non una chimera.

ABOUT AUGUSTO MARIETTI

Augusto Marietti nasce alla fine del secolo scorso. Non ha neppure vent’anni quando inizia a girare su e giù per l’Italia cercando finanziamenti per dare il via alla sua impresa: Mashape. Assieme a due amici: Marco Palladino e Michele Zonca ha già dato forma al loro progetto tecnologico ma nel bel paese stentano a trovare risorse per la start-up.

Bussa a tantissime porte, intercetta numerosi investitori italiani ma la risposta appare sempre la stessa: hai solo diciannove anni. Alla fine il ragazzo, convinto a non mollare, prende la valigia e si trasferisce nella patria dell’informatica: la Silicon Valley. Qui, i giovani, che in tre superano di poco sessant’anni, dopo amare delusioni vincono la loro scommessa. La California sposa la loro vision ed il loro progetto e gli offre le risorse necessarie per partire.

«Gli investitori di You Tube sono venuti nella nostra stanza, che condividevamo con altri due ragazzi, e si sono seduti sul letto gonfiabile di Michele… noi non credevamo ai nostri occhi! Abbiamo capito che quello che contava era la nostra idea perché in quel momento eravamo come loro, senza differenze» racconta Marietti.

Sbrigate le formalità legali, in meno di venti giorni dopo una stretta di mano ed un pranzo di lavoro arriva il primo finanziamento: centomila dollari. La loro idea spicca il volo: la creazione di una piattaforma di sviluppo attraverso la quale i webmaster possono costruire applicazioni in maniera semplice e rapida diventa una realtà. «I giovani sono i primi che usano i nuovi prodotti e quindi sono i primi ad accorgersi dei nuovi problemi e cercano delle soluzioni» precisa Marietti.

Ma il protagonista geniale di una delle aziende più promettenti di San Francisco non si ferma e dalla culla dell’innovazione scrive una lettera amara al suo paese.

«Cara Italia, se vuoi cambiare devi investire sui giovani» scrive Marietti che individua anche nel dettaglio i lacci che rendono impossibile, nella pratica, realizzare idee innovative ma si rivolge anche ai coetanei «Lasciate l’Italia se l’amate veramente» e tornate quando avrete il potere di cambiarla.

bottom of page